Baby Reindeer: tutto quello che c’è da sapere sulla serie Netflix del momento 

Dall’11 aprile è disponibile su Netflix la serie Baby Reindeer: scritta, ideata e interpretata da Richard Gadd.

È disponibile da qualche settimana su Netflix una serie tv che sta facendo parlare molto di sé: la serie in questione si intitola Baby Reindeer (Piccola Renna); Creata da Richard Gadd, che interpreta anche il ruolo principale, la serie racconta una storia realmente accaduta allo stesso Gadd, che nelle serie Netflix viene citato con il nome di fantasia Donny Dunn.

Donny un aspirante comico che viene perseguitato da una stalker di nome Martha, la cui vera identità è sconosciuta. Martha si mostrerà sempre più ossessionata da lui, inviandogli migliaia di messaggi, commettendo atti di violenza sessuale e minacciando sia i suoi familiari che le sue ex.

La vera storia di Richard Gadd

Richard Gadd ha scelto di narrare la sua esperienza attraverso una versione televisiva di sé stesso. Nel contesto della serie, il protagonista è Donny Dunn, un aspirante comico che lavora in un pub a Londra mentre cerca l’occasione giusta per lanciare la sua carriera. Donny/Richard viene tormentato da una stalker di nome Martha, la cui vera identità è sconosciuta. Un giorno, la donna fa ingresso nel pub e Donny le offre gentilmente una tazza di tè gratuitamente. 

Questo stesso episodio si è verificato nella vita reale di Richard Gadd. Dopo quell’atto di cortesia, Martha ritorna al bancone del bar ogni giorno per quattro anni, dando inizio a una relazione sempre più disturbante. 

Le parole di Richard Gadd in un’intervista al The Times:

“Inizialmente, tutti al pub trovavano divertente che avessi una fan, ma poi ha cominciato a invadere la mia vita, seguendomi, presentandosi ai miei spettacoli, aspettandomi fuori casa e inviando migliaia di messaggi vocali ed email.”

Nel corso del tempo, la donna intensifica il suo comportamento invadente, toccando ogni aspetto della vita di Donny: dalle sue esibizioni di aspirante comico al lavoro, fino alla sua vita sentimentale e familiare, minacciando persino i suoi genitori, la sua ex compagna e la sua attuale fidanzata.

Quando le molestie si trasformano in atti sessuali, Donny è costretto a confrontarsi con il trauma di un abuso passato che non ha mai del tutto elaborato. Stufo e sempre più spaventato dalla situazione, si decide a denunciare Martha alla polizia. 

Tuttavia, Martha scompare improvvisamente, lasciando Donny preoccupato per il silenzio che si è creato tra di loro, in una sorta di ossessione reciproca, fino a quando si arriva a un momento decisivo.

SPOILER 

Baby Reindeer si conclude con l’arresto di Martha, che si dichiara colpevole e viene condannata a nove mesi di reclusione insieme a un’ordinanza restrittiva nei confronti di Donny.

Nella vita reale, Gadd non ha mai rivelato cosa sia successo alla donna, mantenendo segreto persino il suo nome.

In quattro anni, la donna ha inviato a Donny un totale di 41.071 email, 350 ore di messaggi vocali, 744 tweet, 46 messaggi su Facebook, 106 pagine di lettere e regali insoliti, tra cui una renna giocattolo e sonniferi. 

Nell’ultima scena della serie, Donny viene visto passeggiare per le strade di Londra mentre riascolta gli audio inviati da Martha, organizzandoli in base al loro contenuto emotivo. Il protagonista si sofferma sui messaggi più affettuosi, in particolare su uno in cui Martha spiega il motivo per cui lo ha chiamato affettuosamente “piccola renna” per tutto quel tempo.

Non perdete gli articoli de I Soliti Cinefili, restate sintonizzati sui nostri canali social per tutte le news, le curiosità e gli aggiornamenti sulla settima arte. 

Luca Zeppilli
[email protected]

Sono il fondatore de I Soliti Cinefili. Un progetto, nato dalla grande passione per il cinema che ad oggi mi ha portato ad ampliare le interazioni in questa community a disposizione di ogni utente. La mia passione per il cinema nasce un po’ per caso: semplicemente guardando un film dopo l’altro con immediata opinione e voto al termine visione. Con il passare del tempo la mia concezione per la settima arte è completamente cambiata, portandomi a puntare all’obiettivo di diventare un critico cinematografico. Obiettivo che ho raggiunto nel 2024 entrando a far parte del Sindacato Nazionale dei Critici Cinematografici Italiani. Nel corso degli anni ho partecipato a numerose anteprime nazionali ed eventi, tra cui il Lucca Film Festival dove ho svolto l’incarico di Giurato Stampa nell’edizione 2022 e nell’edizione 2023. Inoltre, sono ospite tutti i giovedì alle 22:30 al programma radiofonico Suite 102.5 su RTL 102.5 e tutte le domeniche alle 16:30 al programma LaB - Lo Spazio delle idee a cura di Beatrice Silenzi su Radio Linea N°1.

Promo main sponsor