La quarta giornata di Venezia 79: Dal Leone d’oro alla carriera a Schrader ai temi importanti di “Monica” e “Argentina 1985.”

La quarta giornata della 79. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, si apre con un omaggio a Paul Schrader che, pur esibendo un film fuori concorso, riceve il Leone d’oro alla carriera.

Il regista presenta un film in chiave thriller “Master gardener” con Joel Edgerton e Sigourney Weaver.

Ma se non solo di riconoscimenti è colma la Biennale, sono infatti tante le emozioni scaturite dalla presentazione del secondo film italiano in concorso, si tratta Monica di Andrea Pallaoro;

Il regista tricolore racconta una storia tutta americana, con una sceneggiatura “internazionale”.

La pellicola mette in evidenza in maniera tanto diretta quanto intima, le difficoltà che si trova ad affrontare “Monica”, una donna transgender interpretata da Trace Lysette, che costretta a tornare a casa per prendersi cura della madre, ci conduce attraverso le turbolente sensazioni di non riuscire ad essere accettai per ciò che si è davvero.

La protagonista sarà infatti, rinnegata di nuovo dalla madre, che nonostante tutto non riuscirà mai ad accettare le scelte della figlia.

Un’immagine dal film Monica

Chiudiamo questo recap della quarta giornata di Venezia 79 con “Argentina 1985”;

Santiago Mitre, dirige l’amato protagonista Ricardo Darin, nella vera storia del processo che portò alla condanna del dittatore argentino Videla e dei suoi seguaci.

Il film, prodotto da Amazon Studios è stato acclamato dalla critica e definito come un film sia emozionante che divertente.

I protagonisti di Argentina 1985 durante il red carpet a Venezia 79

Per altri aggiornamenti sulla 79 Mostra del Cinema di Venezia e tanto altro, restate sempre sintonizzati sui canali de I Soliti Cinefili.

Luca Zeppilli
[email protected]

Sono il fondatore de I Soliti Cinefili. Un progetto, nato dalla grande passione per il cinema che ad oggi mi ha portato ad ampliare le interazioni in questa community a disposizione di ogni utente. La mia passione per il cinema nasce un po’ per caso: semplicemente guardando un film dopo l’altro con immediata opinione e voto al termine visione. Con il passare del tempo la mia concezione per la settima arte è completamente cambiata, portandomi a puntare all’obiettivo di diventare un critico cinematografico. Obiettivo che ho raggiunto nel 2024 entrando a far parte del Sindacato Nazionale dei Critici Cinematografici Italiani. Nel corso degli anni ho partecipato a numerose anteprime nazionali ed eventi, tra cui il Lucca Film Festival dove ho svolto l’incarico di Giurato Stampa nell’edizione 2022 e nell’edizione 2023. Inoltre, sono ospite tutti i giovedì alle 22:30 al programma radiofonico Suite 102.5 su RTL 102.5 e tutte le domeniche alle 16:30 al programma LaB - Lo Spazio delle idee a cura di Beatrice Silenzi su Radio Linea N°1.

Promo main sponsor